Con grande interesse e grandi aspettative ho partecipato a Bologna ad un corso di aggiornamento della I.A.O.(Italian Academy of Osseointegration) di cui sono con onore uno dei Soci Fondatori, che, con il supporto della ricerca scientifica e dei lavori presentati da indiscussi Relatori, ha voluto come indicazione principale e filo conduttore mettere in chiaro i concetti principali sui quali possiamo basare una corretta riabilitazione implanto-protesica perché sempre più ci siamo resi conto di quanto ciò possa essere un valido strumento non solo per la salute orale dei nostri pazienti, ma per il miglioramento della qualità della vita di un individuo. Infatti il benessere fisico e l’aspetto estetico sicuramente coinvolgono il paziente anche psicologicamente. Chi vive una situazione estetica valida acquista fiducia in se stesso, si sente più sereno nella sua vita sociale e lavorativa.
Parola chiave è sicuramente l’Estetica in Implantologia, nella quale il clinico non solo deve valutare la stabilità e lo spessore dell’osso, ma tenere in grande considerazione l’aspetto ed il ruolo dei tessuti molli,(le gengive che circondano denti ed osso) valutazione che porterà non solo ad una solidità della protesi ma ad una armonia della bocca e del sorriso che sono di grande importanza.